Gruppo statunitense lancia sforzo per ripulire pneumatici lungo confine USA-Messico

Un pneumatici milioni stimati lungo le strade di Baja California, Messico. Hai mentito intorno per anni: di Baja corsi d'acqua, Canyon e autostrade, non solo distruggendo l'ambiente ma che harboring le zanzare che trasportano la malattia.

Negli ultimi due anni e mezzo di anni, Wildcoast, un'organizzazione senza scopo di lucro che mira a preservare gli ecosistemi costieri e marini lungo il confine USA-Messico, ha spinto ad per affrontare la questione. Il mese scorso, con il finanziamento dello stato della California, Wildcoast iniziato un programma pilota di un anno per raccogliere le gomme e riciclarle in nuovi prodotti.

Il programma pilota mira a raccogliere come molti pneumatici possibili, distruggerli e li trasformano in mattoni, erba artificiale, altalene, asfalto e scarpe.

"Questi pneumatici sono ovunque," Fay Crevoshay, groupand #39; s comunicazioni e direttore di politica, ha detto. "Sono al centro della città, nelle strade, nei corsi d'acqua, nei quartieri dove giocano i bambini. Siamo preoccupati per Zika, e siamo preoccupati per l'oceano e l'intero ecosistema vicino all'oceano."

Le gomme, che per la maggior parte provengono in California e vengono poi vendute in Messico, inquinano il fiume Tijuana e flusso indietro negli Stati Uniti, finendo in aree protette dal governo federale il bordo campo State Park e Tijuana fiume estuario ricerca riserva nazionale.

In Messico, questi pneumatici si accumulano in grandi cumuli nelle aree urbane, mentre negli Stati Uniti le gomme ottenere sepolto nel fango.

"Non sappiamo nemmeno quanti metri giù avete gomme di plastica nel fango, andquot; Crevoshay ha detto. andquot; È come una torta, non sai quanti livelli ci sono. "

Secondo Crevoshay, pneumatici fuori uso intasarsi con acque reflue e acqua sporca. Soprattutto nei mesi estivi, il calore e l'umidità creano un ambiente perfetto per le zanzare, che possono aumentare l'incidenza di malattie come la dengue, febbre gialla e Zika.

Wildcoast in collaborazione con sia il settore pubblico e privato per realizzare l'iniziativa.

Il no-profit contratta una società messicana, Promotora Ambiental de la Laguna, a prendere le gomme e distruggerli. Un'altra società, materie prime Eco, è incaricato di vendere il materiale triturato ad altre imprese che possono trasformarsi in nuovi prodotti.

"Speriamo di creare un nuovo mercato," ha detto Crevoshay.

Proprio la scorsa settimana, il no-profit ha ricevuto il permesso dal governo in Messico per iniziare la raccolta pneumatici in Baja California.

Se il programma pilota è successo, vi dà il Wildcoast di espandersi in altre regioni lungo il confine.

"Speriamo che qualche giorno... tutti i pneumatici saranno ottenere riciclati in altri prodotti, e no pneumatici saranno essere inceneriti o sotterrati in discariche," Crevoshay disse: "Ecco la visione".